Tradizioni di fine anno al sud Italia

Tradizioni di fine anno al sud Italia

Like
3
versão em português

Il periodo compreso tra il 24 dicembre e il 6 gennaio è caratterizzato da un intreccio di tradizioni civili e religiose in tutto il mondo e, a seconda delle regioni geografiche, i modi per trascorrere le feste di fine anno sono completamente diversi. In alcune città (come Taranto, in Puglia, la mia regione natale), le festività iniziano già il 22 novembre, ricorrenza di Santa Cecilia, con musica nelle strade e preparazione delle “pettole” (pasta molto lievitata, fatta a palline e fritta).

In Italia, il periodo natalizio è in inverno e le temperature possono essere più o meno rigide a seconda delle annate e delle regioni, compreso al sud Italia, dove possono scendere al di sotto  degli 0º gradi, ma non sempre nevica. Ciò comporta rituali e abitudini gastronomiche specifiche che ruotano intorno alla presenza di prodotti tipici della stagione invernale, come ad esempio il miele, i funghi, l’olio extravergine d’oliva recentemente spremuto e il vincotto ricavato dal mosto di uva o fichi. Le tradizioni religiose dettano anche il ritmo degli eventi: ad esempio, coloro che professano la fede cristiana cattolica si recano in chiesa per partecipare alla novena (nove incontri di preghiera in attesa del Natale – nascita di Gesù Cristo) e alla veglia (messa notturna) del 24 dicembre, con inizio alle ore 23:00 circa, mentre altri preferiscono seguire altre tradizioni, come riunirsi con parenti ed amici per il tradizionale Cenone della vigilia e giocare a carte. I regali si scambiano generalmente il 24 a mezzanotte o il 25 mattina.

decorazioni natalizie

Le decorazioni natalizie nelle case e città vengono di solito allestite agli inizi di dicembre (alcuni preferiscono attendere l’8 dicembre, l’Immacolata Concezione, che è un giorno festivo), ed includono, oltre alle luci e svariati addobbi, il presepe e/o l’albero di Natale. Tanti paesi al sud Italia sono famosi per le loro mostre artistiche di presepi o per i presepi viventi. Questi ultimi si realizzano in stradine dei centri storici o di aree particolarmente caratteristiche della città, le quali accolgono le riproduzioni di botteghe artigiane del passato e di antiche attività commerciali, oltre alla ricostruzione della vicenda della Natività.

I mercatini di Natale sono altresì comuni in tutta Italia, e al sud ce ne sono tanti famosi (quelli napoletani e palermitani, solo per citarne due). A seconda delle città essi possono essere permanenti o aperti soltanto il fine settimana, con bancarelle colme di dolciumi e altre prelibatezze tipiche di questo periodo, oltre ad idee regali e prodotti dell’artigianato locale. Inoltre, alcune città e paesini festeggiano Santa Lucia il 13 dicembre, allestendo fiere e mercatini e seguendo la tradizione dei doni ai bambini e del cibo lasciato per ringraziare la Santa prima di dormire.

“cartellate”, o carteddate in dialetto

Altre tradizioni importanti che riuniscono amici e parenti sono quelle gastronomiche, con la preparazione di piatti dolci e salati tipici a seconda delle regioni (in realtà spesso variano da città a città). Tra questi, parlando soprattutto di piatti dolci, in Puglia è tradizionale preparare le “cartellate”, o carteddate in dialetto (strisce di pasta disposte in formato di rosa e poi fritte o cotte al forno e immerse nel vincotto, oppure nel miele o nella cioccolata), foto a destra, nonché i “porcedduzzi” – o purcidduzzi –, foto a sinistra, ossia una sorta di gnocchi che vengono fritti e poi passati nel miele, simili agli struffoli napoletani. Da non dimenticare le “pettole”, già citate sopra, e infine (solo per modo didire, perché le specialità natalizie non finiscono qui!!) fichi secchi ripieni e dolci di pasta reale, ovvero pasta di mandorle.

“pordedduzzi” – o purcidduzzi

Le festività natalizie si estendono, in realtà, fino al 6 gennaio, solennità dell’Epifania secondo la tradizione cristiana cattolica. Dal 24 dicembre al 6 gennaio tutte le scuole e molti uffici pubblici sono chiusi (è importante ricordare che anche il 26 dicembre, giorno di S. Stefano, è festivo in tutta Italia). Amici e parenti si incontrano di sera per mangiare insieme e giocare a carte o ad altri giochi da tavolo. Il 31 dicembre tutti si riuniscono, poi, per il tradizionale Cenone (o Veglione) di Capodanno, con il quale si aspetta insieme la mezzanotte e l’arrivo del nuovo anno tra cotechino, lenticchie, spumante, panettone (o pandoro!) e naturalmente fuochi d’artificio (oltre al lancio di oggetti vecchi di ogni genere dai balconi – tradizione ancora mantenuta in alcuni paesi!).

Per i cristiani, l’Epifania, che “tutte le feste porta via”, corrisponde alla ‘manifestazione’ o ‘apparizione’ di Gesù al mondo pagano, rappresentato dai Re Magi, venuti dal lontano Oriente per adorarlo e rendergli omaggio con i loro doni. In questa data è anche festeggiata la cosiddetta “Festa della Befana”, una vecchietta che vola su una scopa e che riempie le tradizionali

calze di dolci e caramelle

calze di dolci e caramelle ai bambini che si sono comportati bene, e di cenere e carbone a coloro che sono stati ‘cattivi’. È comune sentire alcune mamme dire ai propri figli, in tono scherzoso, “se non fai il bravo, la befana ti porta il carbone!”. In realtà, nella maggior parte dei casi, le calze (che vengono appese ai caminetti o in altri luoghi della casa) sono riempite di dolciumi vari e un po’ di carbone dolce, per far tutti felici! La leggenda della Befana ha radici antiche e interpretazioni molteplici. Una di queste sarebbe che i Re Magi, lungo il cammino, avessero chiesto aiuto per trovare la strada a una vecchietta che inizialmente non volle aiutarli ma poi, pentita, si mise a cercare loro e il bambino Gesù con un sacco pieno di dolci per farsi perdonare.

Queste e altre tradizioni caratterizzano la mia bella regione e molte regioni italiane nel bellissimo, e sempre un po’ magico, periodo natalizio!

 

Siti di riferimento/Sites de referência:
http://www.imperatoreblog.it/2013/12/18/i-presepi-viventi-piu-belli-del-sud-italia/
http://www.imperatoreblog.it/2015/11/26/i-5-mercatini-di-natale-piu-belli-del-sud-italia/
http://www.famigliacristiana.it/articolo/santa-lucia-le-spoglie-tornano-a-siracusa.aspx
https://www.pianetadonna.it/casa/food/dolci-natale-pugliesi.html
https://www.palermomania.it/news/societa-e-cultura/6-gennaio-lepifania-tutte-le-feste-porta-via-80104.html
https://www.taccuinistorici.it/ita/news/antica/usi---costumi/calza-della-befana.html
Autora: Patrizia Cavallo 
Tradutora e Intérprete de Conferências (ITA-ENG-PT) 
Doutoranda em Lexicografia, Terminologia e Tradução (UFRGS) 
Adora ler, viajar, cozinhar e fazer esporte!
Like
3

Um comentário em “Tradizioni di fine anno al sud Italia”

Deixe uma resposta

Esse site utiliza o Akismet para reduzir spam. Aprenda como seus dados de comentários são processados.